+39 0237902955

AiCube, lo spazzolino che misura la glicemia

 AiCube e Pq Design Group stanno collaborando per realizzare uno spazzolino che permette la misurazione della glicemia attraverso la saliva. E studiano anche come rilevare il Covid. La startup innovativa AiCube ha brevettato un sistema che monitora lo stato di salute delle persone in maniera non invasiva. Da tempo la società con sede a Milano si è focalizzata nella prevenzione proattiva e nella medicina predittiva attraverso l’elaborazione di particolari algoritmi e attraverso il machine learning. Attualmente i sistemi di rivelazione del diabete sono fortemente invasivi e possono creano problemi a molti pazienti. Fino ad oggi la glicemia si misura mediante un normale prelievo di sangue venoso dal braccio oppure con automonitoraggio. Questo strumento rileva la glicemia mediante una goccia di sangue capillare, prelevata dai polpastrelli delle dita delle mani.

Il nostro scopo è di supportare le startup come AiCube nello sviluppo di prodotti complessi, affiancando l’azienda in tutte le fasi di progettazione e sviluppo di un prodotto innovativo. Per realizzare il dispositivo il nostro studio sta collaborando con la startup, fornendo supporto nel design del prodotto e collaborando con il team di ingegneri ed esperti di elettronica e microfluidica coinvolti nel progetto. Abbiamo lavorato seguendo le indicazioni di AiCube, che sono state subito molto chiare: rendere meno invasivo possibile il sistema di monitoraggio del diabete.

Trasmettere una sensazione di normalità

E’ stato importante per noi di Pq design group immaginare un device nuovo, capace di trasmettere agli utenti una sensazione di normalità. Volevamo che il design finale del prodotto avesse il feeling di un “normale” prodotto per la cura e igiene delle persone e non di un prodotto medicale. Abbiamo lavorato per de-medicalizzare il prodotto puntando tutto al concetto di non invasività. Il risultato atteso è che l’utente avrà la sensazione di fare un normalissimo gesto quotidiano e non un prelievo. Questo è il fulcro di tutta la progettazione.

Prevenzione con lo spazzolino di AiCube

Il progetto si chiama DOC.D e nasce per rendere il controllo del diabete più facile e meno invasivo. La tecnologia studiata da AiCube permette la possibilità di fare diagnosi precoci di malattie. Queste, se diagnosticate in tempo, possono essere curate o quantomeno ridurne le complicanze. La prevenzione secondaria viene resa possibile raccogliendo i valori di specifici biomarcatori su base giornaliera o settimanale, in modo da avere dati statisticamente significativi.

Il dispositivo brevettato raccoglie un campione di saliva utilizzando l’innovativo spazzolino elettrico. Il campione di saliva viene quindi convogliato nella base. Qui viene misurato il valore del biomarcatore di riferimento, come ad esempio il glucosio per il diabete. E in futuro potrà compiere anche test simil-covid (una volta testato clinicamente).

Come funziona lo spazzolino

Il dispositivo denominato DOC.D (Data Organized Collector Devices) comprende un dispositivo di acquisizione del campione di liquido fisiologico (saliva), un analizzatore POP (Point of Prevention) con cartuccia usa e getta. E di un server denominato “The Cube”, connesso wireless, che elabora i dati tramite un algoritmo di Machine Learning.

Il sistema prevede inoltre l’identificazione dell’utente attraverso l’utilizzo di un lettore di impronta digitale. Che serve per prevenire l’ associazione del campione analizzato ad un utente non corretto. Il dispositivo è composto da diversi sensori e indicatori (visivi e sonori) per informare l’utente della corretta raccolta del campione. Lavati i denti, viene raccolto il campione, e poi lo spazzolino tornerà nel (POP) per l’analisi e la ricarica.

Diabete mellito di tipo 2

Lo spazzolino AiCube è stato realizzato per tenere sotto controllo soprattutto il diabete mellito di tipo 2. Si tratta della forma di diabete più frequente, che interessa il 90% dei casi di diabete. Ed è tipico dell’età matura. Chi ne è affetto ha una quantità insufficiente di insulina per soddisfare le necessità dell’organismo (deficit di secrezione di insulina). Oppure l’insulina prodotta non agisce in maniera soddisfacente (insulino-resistenza). Per il paziente è essenziale dunque avere informazioni in tempo reale sulle variazioni dei livelli di glucosio. E’ possibile farlo in modo discreto, grazie all’uso quotidiano di questo dispositivo. E l’obiettivo che Pq design group e AiCube stanno perseguendo.