Medicali

Un nuovo design per la divisione neonatale per evitare l’isolamento del bambino.

Cliente
Newborn Division

Servizi
Design

2007

Il progetto risolve drasticamente il problema dei rumori e delle onde elettromagnetiche generate dalle parti meccaniche ed elettriche degli incubatori.

Questi due fattori causano un pericoloso isolamento del bambino che si trova nell’incubatrice. Diversi studi hanno mostrato un aumento dei casi di patologia, nei bambini trattati negli incubatori.

Questo tipo di problemi tecnici, che le aziende incubatrici conoscono bene, rompono i normali contatti tra il paziente e il mondo esterno. I bambini sono isolati soprattutto perché non riescono a sentire le voci dei loro genitori. Praticamente vivono i loro primi giorni (a volte anche molti mesi) senza sentire la voce che erano abituati a sentire durante la gravidanza.

Il progetto è frutto di una collaborazione tra il designer medicali Piero Quintiliani e l’architetto Alfredo Bigogno. 

L’idea è di eliminare tutti i rumori per consentire una normale relazione sensoriale ed emotiva tra il bambino, i suoi genitori e la parola esterna. Per questo motivo l’incubatore è stato progettato in modo che le parti che fanno rumore siano all’esterno: tutte le parti elettriche sono state spostate lontano dal bambino.

L’incubatore è fissato su una staffa speciale che è collegata al sistema centralizzato di controllo. Tutti gli elementi necessari per la terapia come l’ossigeno, l’aria calda e umidificata ei sensori vengono trasportati all’interno dell’incubatore per lanciare questa staffa, come risultato di questo sistema le parti che causano i rumori e l’inquinamento elettromagnetico sono remote.

Oltre a rimuovere il problema del rumore alla fonte, la comunicazione tra l’interno e l’esterno dell’incubatore è stata ottimizzata. È stato adottato un sistema specifico che traduce il suono senza i campi elettromagnetici.

L’incubatore è fissato alla staffa utilizzando un braccio che può ruotare di 360 ° con una grande quantità di flessibilità. Quando infatti, l’incubatore può essere rimosso e trasportato ovunque, ad esempio nella stanza in cui è sterilizzato.

Il sistema è stato studiato sia per il nuovo concetto di incubatore sferico che per tutti gli incubatori presenti sul mercato.